Pasqua: l’87% degli italiani resta a casa per il pranzo

By | 31 Marzo 2018
pasqua

pasquaPer Pasqua l’87% degli italiani ha deciso di restare a casa per il pranzo. Per questa occasione si calcola, secondo l’analisi della Coldiretti, che la spesa media delle famiglie dei nostri connazionali sarà in media di 54 euro. Tuttavia, per limitare le spese, la maggior parte delle famiglie ha deciso di non andare al ristorante o all’agriturismo, ma pranzerà insieme alle persone care direttamente con un menu preparato da sé.

Chi ha scelto di mangiare fuori si rivolgerà ai locali che propongono prodotti biologici a chilometro zero, sempre rispettando la tradizione dei piatti tipici regionali, secondo l’usanza tipica di tutta l’Italia, da nord a sud del Paese.

Che cosa mangeranno gli italiani a Pasqua

Dall’analisi che la Coldiretti ha svolto sulla Pasqua 2018 degli italiani, emergono anche quali sono i piatti tipici a cui i nostri connazionali si rivolgeranno per imbandire la tavola nei giorni di Pasqua. In Piemonte gnocchi filanti, in Toscana la minestra di brodo di gallina, le uova sode e le pappardelle al ragù di coniglio. In Lazio la pizza al formaggio, che si consuma prevalentemente a colazione.

In Romagna i passatelli, in Molise l’insalata con i fagiolini, che comprende anche l’aggiunta di uova sode e pomodori. In Puglia si preparerà il cutturiddu, l’agnello cotto nel brodo che si cuoce con le erbe tipiche della zona delle Murge. In Veneto le uova sode decorate con le erbe di campo e in Trentino le polpettine tipiche della Pasqua che si preparano con la carne macinata di agnello.

Per Pasqua cresce il consumo delle uova

La Coldiretti ha stimato che il consumo delle uova proprio in occasione della Pasqua 2018 crescerà del 4,8% rispetto al 2017. Gli italiani potranno contare su 40 milioni di galline ovaiole distribuite in 14.400 allevamenti. Le uova per Pasqua vengono mangiate sode a colazione o vengono dipinte a mano per abbellire le case o la tavola.

Sono inserite anche come ingredienti in diverse ricette tradizionali o in prodotti specifici che si preparano per questa festa. La tradizione delle uova fresche prosegue in alcuni menu tipici come la torta pasqualina in Liguria, la pastiera in Campania o i vovi e sparasi in Veneto. Secondo la Coldiretti i nostri connazionali spenderanno per questa festa quasi 120 milioni di euro per acquistare uova di gallina.

Lascia un commento